DON CESARE BOSCHIN: Un caso aperto


       22 agosto 2017    -   Latina 
Delitto di Don Boschin, la verità nelle parole di un suo stretto collaboratore?

Potrebbe essere Don Felipe la persona informata sui fatti che verrà ascoltata dopo la riapertura delle indagini sulla morte di Mons. Cesare Boschin, il coraggioso parroco di Borgo Montello, ucciso nel 1995. Don Felipe in quei giorni era uno stretto collaboratore dell’anziano prelato barbaramente ucciso, per cui la sua testimonianza potrebbe essere utile agli inquirenti. Monsignor Cesare ha sempre avversato la presenza della discarica di rifiuti a Borgo Montello, battendosi per anni in modo evidente e concreto.
Don Felipe nato a Jardin in Colombia nel 1948, e ordinato sacerdote nel 1975 a Medellin, si è trasferito una prima volta a Roma dal 1988 al 1990 per studiare e laurearsi in teologia biblica. Conseguita la laurea è ritornato nel suo paese ma nel 1991 viene accusato dalla polizia colombiana di essere un guerrigliero comunista e solo grazie all’aiuto del vescovo monsignor Eladio Acosta Arteaga, in collaborazione con l’allora vescovo di Albano monsignor Dante Bernini, trova riparo in Italia. Qui, dopo aver prestato servizio pastorale per quattro mesi a Borgo Montello nel 1995, diviene parroco nell’ottobre del 1991 della chiesa di San Giuseppe di Casalazzara dove rimane fino al febbraio 2002, data in cui viene trasferito nella chiesa dello Spirito Santo del quartiere Toscanini a Aprilia.


Paolo Iannuccelli






-----------------------------------------------
L'informazione a tutta pagina
Inizio modulo

Fine modulo
        Latina 
Delitto di don Cesare Boschin, interrogatori della Dia di Napoli sui conti correnti del parroco
        Pubblicato il 23 luglio 2017
·         
di PAOLO IANNUCCELLI
Don Cesare Boschin
Grosse novità riguardo la morte di don Cesare Boschin, il parroco del Montello, borgo alle porte di Latina. La Direzione Investigativa Antimafia di Napoli, alla quale quale è affidato il caso dopo la riapertura, starebbe interrogando alcune persone molto vicine al sacerdote, un precursore di battaglie ambientaliste.
Sarebbero spuntati, dopo accurate ricerche, due conti correnti bancari intestati al prelato sui quali sarebbero state versate somme molto consistenti, cifre da fare riflettere attentamente gli investigatori. Chi consegnò quel denaro al parroco? Chi aveva interesse a compiere quel gesto? Una cosa è certa: il sacerdote non ha speso nemmeno una lira di quei soldi, non risultano prelevamenti, non si è arricchito. Il mistero è fitto ma gli investigatori – molto attivi e competenti – stanno lavorando con estrema cura.
Era la mattina del 30 marzo 1995. Delitto senza colpevoli per ora: la pista della rapina compiuta da balordi si arenò. Ma adesso, al termine di una lunga battaglia di comitati civici e associazioni come Libera di don Luigi Ciotti, l’inchiesta sull’omicidio di don Cesare Boschin, il prete «anti-discarica» massacrato a 80 anni nella sua parrocchia, torna alla ribalta.
Il riserbo sui nuovi elementi posti all’attenzione della magistratura è alto, ma qualcosa è trapelato. Nell’ultimo periodo, il pool costituito dall’avvocato di parte lesa Stefano Maccioni ed al quale collaborano la criminologa Immacolata Giuliani, il medico legale Luigi Cipolloni e Lorenzo Zanon, il sindaco di Trebaseleghe (Padova) paese di cui era originario don Cesare, ha riesaminato le circostanze del delitto avvenuto nella chiesa di Montello e concentrato l’attenzione su tre elementi: le tracce sul nastro adesivo usato dal killer, le macchie di sangue su un asciugamano e il momento del decesso, che andrebbe spostato indietro di alcune ore.
Don Cesare aveva il corpo ricoperto da lividi, la mascella fratturata, la bocca incerottata. Morì per soffocamento. Dalla canonica furono portate via le due agende del sacerdote e non 800mila lire contenute nel portafoglio, particolare che fa prevalere altri moventi rispetto a quello ipotizzato all’inizio, della rapina conclusa tragicamente. E’ stata colpita la coerente ed incessante linea del parroco nella battaglia contro la discarica di Borgo Montello. Don Boschin aveva raccolto le confidenze di parrocchiani che riferirono di fusti interrati di notte e di alcuni genitori, insospettiti dal fatto che i figli avessero un’improvvisa disponibilità di danaro al ritorno da viaggi a bordo di tir. «Speriamo di vederci domani», diceva il prete a chi passava a salutarlo. Aveva paura. E’ stato facile profeta.

----------------------------------------------------------------

CRONACHE DEL MARZO 1995 

E DI OGGI

Rassegna stampa 



-----------------------------------------------------

___________________________
IL 17 DICEMBRE 2016 A LATINA INIZIATIVA VOLTA AD OTTENERE CONCRETI RISULTATI NEL CAMMINO VERSO LA VERITA'

___________________________________

20 ottobre 2016

Latina, quello strano delitto di don Cesare negli atti parlamentari. Cipriani rispolvera l’interrogazione di Piscitello


Da Rita Cammarone - -www.latinacorriere.it



Il libro di Felice Cipriani “Quello strano delitto di don Cesare” sarà presentato a Roma il 7 novembre prossimo. Nelle pagine del libro-inchiesta sul giallo irrisolto dell’Agro Pontino, per il quale si continua a chiedere giustizia: don Cesare Boschin, parroco di Borgo Montello, fu brutalmente assassinato nella notte tra il 29 e 30 marzo 1995. Nelle pagine di Cipriani si ripercorre la vita e la morte del sacerdote “ecologico” che prima di tutti denunciò il traffico di rifiuti sui campi attorno dei suoi parrocchiani. E mentre i familiari di don Cesare hanno recentemente chiesto alla Procura di Latina di riaprire le indagini, potendo così accedere ai fascicoli dell’impolverata quanto inconcludente inchiesta, Cipriani continua la sua ricerca per la verità.
Il giornalista scrittore, infatti, ha contattato Calogero Piscitello che nel corso della XIII Legislatura presentò un’interrogazione ai ministri dell’interno, di Grazia e Giustizia, delle Finanze e dell’Ambiente per chiedere conto delle ragioni della sottovalutazione dell’impegno pastorale di don Boschin contro le presenze mafiose sul territorio e delle iniziative della comunità religiosa di Borgo Montello contro gli alti inquinamenti ambientali e politici determinati dalla discarica. Con la sua interrogazione Piscitello, ad un anno del delitto, chiedeva le ragioni del mancato risanamento ambientale di Borgo Montello e se fossero stati controllati gli atti relativi alle compravendite dei terreni per l’individuazione dei reali proprietari delle attività imprenditoriali ubicate a ridosso della discarica stessa e ancora se fosse corrisposta al vero la notizia secondo cui si sarebbe voluta realizzare nella stessa zona di Borgo Montello un mega-inceneritore per rifiuti urbani e speciali. Molti di questi interrogativi mantengono, a distanza di venti anni, la loro attualità non soltanto per la soluzione del giallo relativo all’assassinio del sacerdote ma anche per il destino degli abitanti di Borgo Montello. Cipriani è a caccia della risposta fornita dagli allora ministri interrogati dal deputato del gruppo misto.
La memoria di don Cesare Boschin è ancora viva nel borgo di Latina; negli ultimi anni il sacerdote, originario di Trebaseleghe in provincia di Padova, è diventato simbolo della lotta alle mafie.
Il 30 settembre scorso, Damiano Coletta, sindaco del capoluogo pontino, in un incontro con gli abitanti di via Monfalcone in cui si discuteva sul “ristoro” per la presenza della discarica, fonte di 40 anni di disagi, ha detto di voler intitolare un luogo, una strada o una piazza di Latina a don Cesare, paladino della legalità.
Nota fuori testo: Ricordiamo al Sig. Sindaco Coletta che proprio a Borgo Montello esiste già un "Piazzale Mons. Cesare Boshin", con tanto di targa stradale ufficiale, a suo tempo inaugurato dall'allora Sindaco Zaccheo).

TESTO INTEGRALE DELL'INTERROGAZIONE PARLAMENTARE DELL'ON. CALOGERO PISCITELLO - 12 APRILE 1997:

XIII Legislatura della repubblica italiana

Ai Ministri dell'interno, di grazia e giustizia, delle finanze e dell'ambiente. - Per sapere - premesso che: in data 30 marzo 1995, in Borgo Montello, nel territorio del comune di Latina, sul quale insiste da anni una discarica di rifiuti dell'intera provincia pontina, fu assassinato il parroco, Don Cesare Boschin; a tutt'oggi non sono stati individuati ne' il movente di tale assassinio, ne' i mandati, ne' gli esecutori; era noto a tutti l'impegno pastorale di Don Boschin contro le famiglie della criminalita' organizzata, che da anni investono i loro capitali nel territori di Borgo Montello, zona vicina ai comuni di Latina e di Aprilia, notoriamente ad alta densita' mafiosa; la presenza su quel territorio della criminalita' organizzata e' caratterizzata da precedenti episodi criminosi (si veda l'assassinio dell'avvocato Maio di Aprilia) -: le ragioni della sottovalutazione dell'impegno pastorale di Don Boschin contro le presenze mafiose sul territorio e delle iniziative della comunita' religiosa di Borgo Montello contro gli alti inquinamenti ambientali e politici determinati dalla discarica in questione; le ragioni del mancato risanamento ambientale di Borgo Montello; se siano stati controllati gli atti relativi alle compravendite dei terreni per l'individuazione dei reali proprietari delle attivita' imprenditoriali ubicate a ridosso della discarica stessa; se risponda al vero la notizia secondo cui si vorrebbe realizzare nella stessa zona di Borgo Montello un megainceneritore per rifiuti urbani e speciali. (4-09212) 











_____________________________________

Lettera Ai giornali.
MAGGIO 2016

Perché l‘uccisione di Don Cesare Boschin.

Da oltre un mese sulla stampa locale della provincia di Latina viene riproposta la drammatica storia dell’uccisione del parroco di Borgo Montello Mons. Cesare Boschin.
Complice il libro da me scritto su quello “Strano Delitto”.
I cronisti nei loro articoli hanno scritto molto sull’episodio dell’uccisione e di quella drammatica notte del 30 marzo del 1995 e poco sulle circostanze che l’hanno determinata e cioè la discarica.
Come si sa le terre che ospitano discariche si tirano dentro tanti altri problemi. Oltre alle conseguenze ecologiche e sanitarie, intorno al ciclo dei rifiuti sono girati milioni di lire e girano milioni di euro che attirano la criminalità organizzata.
Secondo il racconto di Carmine Schiavone, a Borgo Montello era nata la prima Gomorra dei rifiuti industriali: per ogni bidone il clan riceveva cinquecentomila lire, ha raccontato nel 1996 ai carabinieri. Fusti interrati almeno fino alla fine degli anni ’80 diceva. E poi scarti dell’industria farmaceutica, come racconta Sergio un cacciatore che scalava le montagne di fiale abbandonate per raggiungere le prede.
Gli abitanti di Borgo Montello si sono opposti alla discarica e al suo ampliamento con petizioni, manifestazioni, cortei per il borgo. Hanno protestato presso le istituzioni, preso le manganellate, sono stati ingannati dal sindaco del comune di Latina, che si schierò davanti ai cancelli per protesta e dopo alcuni mesi fece approvare una delibera che creava le condizioni per l’ampliamento della discarica.
Più di qualcuno ha perso la vita per forme di cancro e malattie la cui causa sospetta è dovuta ai miasmi, al percolato, alle polveri e all’inquinamento dell’aria e dell’acqua per via della discarica.
Don Ciotti nella prefazione del libro dice che son partito da lontano, sì! Mi sono soffermato, molto sulla storia e le vicende del territorio per far risaltare ancor di più l’insensibilità e le responsabilità di chi l’ha governato e amministrato, consentendo il deturpamento e il disastro ambientale di una zona di grande valenza ambientale, e storico-culturale.
I rifiuti al posto degli Etruschi, Volsci e Romani e della antica città di Satricum, al posto del fascio/comunismo, i rifiuti al posto del martirio cristiano, dell’epica battaglia del grano,  al posto della bonifica, i rifiuti sui coloni veneti e a confine di una città nuova, che in quanto tale poteva benissimo organizzare un diverso modo per smaltirli. Per fare un quadro completo della discarica occorrerebbe un ricercatore d’archivio che lavori mesi e mesi nel vagliare documenti, atti amministrativi del comune di Latina, Regione Lazio, sentenze del Tar, Camere di Commercio di mezza Italia, atti giudiziari, Asl, Enea, ecc. Nel mio libro ho dovuto sintetizzare il tutto avvalendomi di studi e ricerche fatti da organizzazioni e associazioni qualificate. Al di la delle carte di una cosa mi sono convinto, ed è che tutto quello che ha ruotato attorno alla discarica sa di malaffare, malcostume, ladrocinio, inquinamento del territorio e delle coscienze. Su Borgo Montello vi è stato un accanimento di malcostume che ha visto coinvolte anche le Istituzioni. Tutti hanno contribuito a stuprare questo territorio. Da Industrie del Nord, del Sud e del Centro. A questo va aggiunto che le scelte operate dalle pubbliche amministrazioni hanno solo favorito le infiltrazioni malavitose che prendono il nome di camorra e mafia. E da qui che bisogna partire per capire il perché della uccisione di Don Cesare Boschin. Su Don Cesare si sono addensati sospetti immorali. Io ne ho ricostruito la storia sin dalla sua giovinezza per far capire di che “qualità” era questo sacerdote e quanto era il suo amore per la missione sacerdotale. Ho insistito sugli aspetti dell’etica e della morale.

Felice Cipriani, scrittore della Memoria.  338 8557967
---------------------------------------------------


NOVEMBRE 2014

Intervista di Claudio Gatto a "RADIOCUSANOCAMPUS" sul caso irrisolto dell'omicidio di Don Cesare Boschin

-----------------------------------------------------

DON CESARE - NOSTRO PARROCO PER 40 ANNI



Gli eroi sono tutti giovani e belli. Forse in pochi conoscono Don Cesare perché aveva ben ottantuno anni quando fu assassinato nella sua canonica a Borgo Montello, frazione rurale di Latina. La mattina del 30 marzo 1995 lo trovarono legato al letto e incaprettato, il corpo ricoperto di lividi, la mascella fratturata. Le botte furono così tante che gli fecero ingoiare la dentiera, fino a soffocarlo. “Prete ucciso nel letto” titolò l’indomani il Corriere della Sera.
La storia fece clamore, poi rapidamente si spense. La memoria di Don Cesare fu offesa, violentata e poi oscurata. Prima dissero: “E’ una rapina finita male” ma i soldi delle offerte erano intatti. Poi insinuarono la frequentazione di prostituti stranieri intrattenuti per soldi. Un’autentica calunnia senza prove. Le indagini si arenarono in fretta e non si arrivò neanche al processo.


Da anni stiamo percorrendo la difficile strada verso la GIUSTIZIA e la VERITA'. Un percorso che sta portando alla luce collegamenti a persone e fatti che a suo tempo furono coperti e sottaciuti. Ciò emerge dai documenti e dai filmati riportati anche sulle altre pagine di questo sito.
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

DON CESARE BOSCHIN: BREVE BIOGRAFIA
(fonte : Wikipedia)


Cesare Boschin (Trebaseleghe, 8 ottobre 1914Borgo Montello, 29 marzo 1995) è stato un presbitero italiano misteriosamente assassinato.
Il suo omicidio è tuttora irrisolto. Associazioni locali e movimenti nazionali come Libera ritengono che sia stato ucciso perché si oppose alle infiltrazioni della camorra nel Lazio.
Don Cesare Boschin nasce a Silvelle di Trebaseleghe, in provincia di Padova, terzo di otto figli. Il padre Giuseppe è un muratore, la madre Clementina Cazzaro è casalinga. Frequenta la scuola e la parrocchia nella frazione di Silvelle, quindi a Piombino Dese. Entra nel seminario di Treviso ma deve lasciarlo per le difficoltà economiche della famiglia che non può permettersi la retta. Accolto nella Piccola Casa della Divina Provvidenza di don Luigi Orione, riprende gli studi prima a Tortona, quindi a Genova.
Il 12 luglio 1942 viene ordinato sacerdote nel Santuario della Madonna del Caravaggio a Fumo, frazione del comune di Corvino San Quirico, paese del quale sarà viceparroco negli anni della seconda guerra mondiale.
Nel 1945 viene trasferito a Roma, quindi ad Anzio per assistere la popolazione duramente colpita dagli eventi bellici. Nel 1950 accetta la proposta del vescovo di Albano di occuparsi della ricostruzione della chiesa di Santa Maria Goretti a Le Ferriere, nel comune di Latina. Per via delle sue origini, decidono di affidargli anche la vicina parrocchia della Santissima Annunziata a Borgo Montello, popolata in larga parte da emigranti veneti.
Don Cesare è attivissimo: fonda l'Azione Cattolica e promuove diverse iniziative per i giovani del borgo.Cerca di alleviare la fame e la povertà, trovando lavoro agli sfollati o la terra per i contadini.
Nel corso degli anni sessanta per il suo attivismo deve subire attacchi e calunnie. Alla proposta del vescovo che vuole inviarlo in un'altra parrocchia per salvarlo dai pettegolezzi, don Cesare annuncia che preferisce restare a Borgo Montello e "portare la sua croce".
La mattina del 30 marzo 1995 il suo cadavere venne ritrovato incaprettato (con le mani e i piedi legati e una corda intorno al collo) dalla perpetua nella sua camera da letto. 
Venne rinvenuto con il corpo ricoperto da lividi, la mascella e diverse ossa fratturate, la bocca incerottata. L'autopsia stabilì la morte per soffocamento provocato dalla dentiera ingoiata dal parroco per via delle percosse.
Gli assassini portarono via le due agende in cui don Cesare era solito annotare tutto, lasciando una preziosa croce in oro, il portafoglio del sacerdote che conteneva ottocentomila lire. Altri cinque milioni nascosti in un armadio furono rinvenuti due mesi dopo e donati - secondo le sue disposizioni - a Madre Teresa di Calcutta.
Le indagini furono inizialmente rivolte negli ambienti della tossicodipendenza. Si ritenne che don Cesare fosse stato ucciso dopo un tentativo di rapina andato a male da parte di alcuni ragazzi di una vicina comunità di recupero. Questa tesi fu sposata anche dall'allora vescovo di Latina, Domenico Pecile, nell'omelia del funerale. 
La teoria della rapina non riuscì però a giustificare il fatto che i presunti ladri non avessero prelevato il denaro dalla canonica. Le inchieste, allora, puntarono ad approfondire alcuni voci che avevano iniziato a girare a Borgo Montello subito dopo l'omicidio: si diceva che don Cesare frequentasse gli ambienti gay clandestini della zona. La notte della sua morte, il parroco avrebbe ricevuto dei ragazzi per un incontro sessuale, ma la situazione era degenerata. Le voci furono prontamente smentite dai parrocchiani del borgo. La procura comunque fermò e interrogò alcuni giovani polacchi ma le indagini si conclusero quattro mesi dopo con l'archiviazione del caso. Il 29 luglio del 2009, durante un convegno a Roma don Luigi Ciotti chiese davanti al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano la riapertura dell'inchiesta sulla morte di don Boschin. Il suo appello fu subito fatto proprio da diverse associazioni antimafia del Lazio, nonché dall'Azione Cattolica della diocesi di Latina e dall'Agesci pontina. Don Ciotti si era fatto portavoce a livello nazionale delle richieste di un gruppo di cittadini di Borgo Montello che legava la morte del loro parroco ai traffici di rifiuti tossici smaltiti illegalmente dalla camorra in una vicina discarica. Traffico che è stato confermato negli anni da numerosi pentiti e che ha ritrovato riscontri dopo il ritrovamento nell'estate dello stesso anno di rifiuti tossici interrati nella zona.
Nei mesi precedenti alla morte di don Cesare, la popolazione residente nei dintorni della discarica, per protestare contro strani miasmi che si erano intensificati nel tempo, aveva costituito un comitato di protesta. Il parroco aveva accettato di ospitare il comitato nei locali della chiesa. Il comitato, nelle sue richieste di legalità e giustizia, iniziò a sospettare traffici illeciti nel territorio. I sospetti trovarono le prime conferme dopo la denuncia di uno dei giovani disoccupati locali impiegati dalla criminalità organizzata per trasportare i rifiuti nella discarica. Don Cesare e il comitato civico riuscirono a convincere l'allora sindaco di Latina Ajmone Finestra a richiedere l'analisi del terreno per rilevare eventuali contaminazioni. Il comitato iniziò a subire le prime ritorsioni per la sua battaglia: nel borgo comparvero scritte minacciose, le case di alcuni membri furono oggetto di sparatorie, lo stesso don Cesare subì diverse intimidazioni. Una settimana prima dell'omicidio, il parroco si sarebbe recato a Roma per chiedere la fine dei traffici ad alcuni politici della ormai disciolta Democrazia Cristiana, alla quale si era rivolto in passato per trovare lavoro ad alcuni suoi parrocchiani. Successivamente avrebbe incontrato il capitano provinciale dei carabinieri per le stesse ragioni. La sua morte sarebbe stata quindi una vendetta della criminalità organizzata per stroncare la protesta dei residenti. In effetti, subito dopo l'omicidio, il comitato si sciolse e sulla discarica scese il silenzio. Le stesse modalità della morte, con l'incaprettamento tipico degli omicidi mafiosi, sarebbero secondo Libera una conferma della pista camorristica. Alla sua morte sarebbe legato anche l'omicidio dell'avvocato Enzo Mosa a Sabaudia il 2 febbraio del 1998. In una recente intervista a Lazio Tv, il pentito di camorra Carmine Schiavone ha sostanzialmente confermato che "Don Cesare è stato ucciso per questi motivi, perché aveva capito qualcosa".


------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------











Riportiamo un documento importante tratto dagli ATTI PARLAMENTARI 2011 riguardante la tragica morte di Don Cesare

FONTE  - Indirizzo WEB – Atti Parlamentari
XVI LEGISLATURA
Allegato B

Seduta di mercoledì 3 agosto 2011
ATTI DI INDIRIZZO
… omissis …

.......l'esame della realtà economica e dei risultati ottenuti dalle locali Forze di Polizia portano a ritenere "a rischio" di infiltrazione mafiosa lo smaltimento dei rifiuti e le costruzioni edili in generale - con specifico riguardo alla movimentazione terra, asfalti, bitumi e cemento. La provincia pontina, inoltre, è interessata dall'operatività di sodalizi criminali capaci di condizionare le procedure amministrative per il rilascio di concessioni ed autorizzazioni nel settore commerciale ed edilizio nonché le gare per l'assegnazione di appalti pubblici»;  in questo contesto è fondamentale ricordare quello che accadde il 29 marzo 1995 in provincia di Latina quando venne ucciso il parroco di Borgo Montello, dove ha sede la grande discarica di rifiuti della provincia di Latina e di alcuni comuni del sud di Roma, Don Cesare Boschin. Il parroco, ottantunenne, fu ucciso in modo barbaro, soffocato con la propria dentiera conficcata nella gola dopo essere stato aggredito selvaggiamente, legato mani e piedi e imbavagliato con il nastro adesivo, con ai suoi piedi un asciugamano sporco del suo sangue. Anomalo risulta ancora il fatto che in seguito all'aggressione violenta nei riguardi di don Cesare Boschin non furono portati via denari pure presenti nella stanza dell'aggressione ma due agende non più ritrovate. Un omicidio condotto con una modalità chiaramente mafiosa, denso di segnali inquietanti e rimasto a tutt'oggi senza movente, autori e mandanti, per il quale anche Don Ciotti, presidente di Libera, ha chiesto la riapertura delle indagini. Non certo un omicidio per rapina, considerando che il portafogli del parroco era ancora intatto vicino al suo corpo con all'interno ben 800 mila lire. È con ogni probabilità infatti che la morte dell'anziano parroco sia avvenuta in seguito alle sue denunce relativamente al traffico notturno internazionale di rifiuti tossici che coinvolgevano la discarica, condotto per mezzo delle tristemente note «navi dei veleni». Si ricorda che questi sospetti furono confermati dalle dichiarazioni rese dal pentito Carmine Schiavone -:

se non ritengano opportuno destinare maggiori risorse per l'organico delle forze dell'ordine e degli strumenti tecnologici e mezzi loro necessari per contrastare il fenomeno del radicamento delle mafie e dei loro interessi nel tessuto economico, sociale e politico della provincia di Latina, anche alla luce del caso ancora irrisolto dell'efferato omicidio di don Cesare Boschin anche con l'obiettivo della creazione in loco di una sede distaccata della divisione investigativa antimafia e della Dda; se non ritengano necessario attivare un controllo serrato da parte degli organi di vigilanza e controllo sia sul sistema degli appalti, delle concessioni e delle consulenze in tutti i comuni della provincia pontina e sulla stessa amministrazione provinciale, sia sull'azione imprenditoriale condotta dalle numerose cooperative agricole dell'agro pontino, in particolare quelle presenti nei comuni di Formia, Fondi, Sperlonga, Terracina, San Felice Circeo, Sabaudia e Latina e sui titolari delle medesime.

(4-12995)



Nessun commento:

Posta un commento